AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA BASSOLI CRISTINA

logo trasparente

 

L'azienda agricola Bassoli Cristina si trova in Veneto, nella zona dell’Alto Polesine ,precisamente a Stienta, in provincia di Rovigo.
Nasce nel febbraio 1998, quando Cristina Bassoli subentra nella conduzione dei terreni di famiglia.
Dopo qualche anno di coltivazione dei cereali in modo convenzionale, stanca di usare diserbanti, pesticidi, concimi e tutto ciò che è di origine chimica, decido di adottare il metodo di coltivazione biologica: esattamente dal 4 gennaio 2001 l’azienda agricola viene inserita nel sistema di controllo e certificazione I.C.E.A.( Reg. C.E.E. 2092/91) con l’attribuzione del codice operatore E 919 e con la nuova denominazione di “AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA BASSOLI CRISTINA”.

 

Nell’ agricoltura biologica si usano i principi naturali per ottenere il meglio nei campi: è vietata la semente ogm, si adottano il sovescio e le rotazioni colturali per dare forza al terreno e si utilizzano solo i fertilizzanti organici di origine vegetale e animale che apportano sostanze che arricchiscono, tutto senza avvelenare e contaminare il terreno e le acque
Per il controllo delle erbe infestanti non si usano diserbanti e miscele chimiche, ma si usano mezzi meccanici, come l’erpice strigliatore.
Nel 2011, si concretizza il sogno di trasformare il vecchio fabbricato rurale usato come fienile e stalla, in laboratorio per la lavorazione e confezionamento dei propri cereali biologici!
Dopo un anno molto impegnativo per i tempi e la enorme burocrazia per ottenere le varie autorizzazioni e permessi, terminate le opere di ristrutturazione e di cambio di destinazione del fabbricato, ecco finalmente pronto il laboratorio con le attrezzature indispensabili:
una setacciatrice per pulire i cereali, una decorticatrice (per togliere la buccia esterna), una perlatrice, un mulino con le macine in pietra per ottenere farine vive con il germe del chicco, una insacchettatrice, una saldante per sacchetti e una macchina per fare il sottovuoto.

 
 

 

farro di cocco

 

Farro dopo la Raccolta

Farro dicocco subito dopo la trebbiatura con le glumelle ancora intatte prima di essere decorticato.

 

 

farro decorticato banner

Farro Decorticato

Questo cereale, presente in Italia con tre varietà: piccolo (Triticum monococcum), medio (Triticum dicoccum), grande (Triticum spelta) è stato soppiantato nel corso del tempo da altre colture più redditizie. Inoltre, la farina di farro contiene un'elevata quantità di fibre, perché il seme si separa con difficoltà dal suo rivestimento, producendo così una farina più scura. Oggi viene utilizzato per la preparazione di pasta, biscotti e minestre.

 

 

farro perlato  banner

Farro Perlato

Il farro è il cereale più antico fra quelli consumati dall'uomo.
Per molti secoli ha costituito il fondamento dell'alimentazione delle popolazioni mediterranee e asiatiche. Pare sia originario della Palestina; è stato anche rinvenuto nelle tombe egizie ed era molto considerato dai romani, che lo utilizzavano anche come offerta nei matrimoni. Del resto, la parola farina deriva proprio dalla radice far, il termine latino per “farro”.